THIS POEM KILLS FASCISTS #3 – Wallace Stevens

 

Wallace Stevens

XIII

 

Tom-tom, c’est moi. The blue guitar

And I are one. The orchestra

 

Fills the high hall with shuffling men

High as the hall. Te whirling noise

 

Of a multitude dwindles, all said,

To his breath that lies awake at night.

 

I know that timid breathing. Where

Do I begin and end? And where,

 

As I strum the thing, do I pick up

That which momentously declares

 

Itself not to be I and yet

Must be. It could be nothing else.

 

 

 

XIII

 

Tom-tom, c’est moi. Ed io sono tutt’uno

Con la chitarra azzurra. L’orchestra

 

Empie la dance hall col battito di piedi,

Gente fino al soffitto. Turbinoso

 

Fracasso che zittisce, tutto detto,

In fiato che sta sveglio nella notte.

 

Conosco quell’incerto respirare.

Dove comincio e termino? Dove,

 

Se colpisco la cosa, vi ritrovo

Qualcosa che dichiara sul momento

 

Di non essere me e tuttavia

Non può non essere. Quella cosa lì.

 

 

Tratta da Wallace Stevens, The Man with the Blue Guitar and Other Poems (1937)

Traduzione di Eugenio Lucrezi

Leggi anche

No Comment

Leave your thought